Farsi curare

Informazioni generali

Con la nuova generazione di farmaci per l'epatite C, la somministrazione di interferone non è più necessaria e la terapia può essere assunta completamente in compresse. I nuovi regimi terapeutici per l'epatite C sono caratterizzati da una maggiore tollerabilità, una durata del trattamento molto più breve e un tasso di guarigione molto elevato (>90%). Con il miglioramento della terapia, lo screening attivo per l'epatite C nei gruppi ad alto rischio assume una nuova importanza.

Epatite C cronica

L'epatite C è una delle malattie croniche più comuni tra i consumatori di droga. Ogni anno, circa 500 persone che fanno uso di droghe per via endovenosa si infettano con il virus dell'epatite C.

In totale si distinguono sette diversi sottogruppi (genotipi) del virus dell'epatite C. Il sottogruppo determina la scelta dei farmaci utilizzati per il trattamento dell'epatite C. Oggi è disponibile un'ampia gamma di farmaci altamente efficaci che forniscono un alto tasso di riuscita del trattamento per ogni sottogruppo.

Indicazioni

Una terapia antivirale dovrebbe essere presa in considerazione per tutte le persone affette da epatite cronica C. Grazie ai nuovi farmaci altamente efficaci, facili da assumere e generalmente ben tollerati, oggi non esistono praticamente più criteri di esclusione.

Trattamento farmacologico

Poiché l’ambito dello sviluppo dei farmaci contro l'epatite C è molto dinamico, le raccomandazioni riguardanti la combinazione e la durata della terapia sono in costante evoluzione. Si fa quindi riferimento alle direttive di trattamento svizzere ed europee.

La durata media della terapia è compresa tra le 8 e le 24 settimane. Dal 2017, tutti i farmaci sono rimborsati dalle casse malattia, indipendentemente dallo stadio di avanzamento della malattia e dai fattori di rischio (come il continuo consumo di droga).