Cercare
  • Professionisti

Professionisti

L'epatite C è una delle malattie croniche più comuni tra i consumatori di stupefacenti. Ogni anno, in Svizzera, a circa 500 persone che fanno uso di droghe per via endovenosa viene diagnosticata l'infezione da virus dell'epatite C. I professionisti che si occupano di consumatori di stupefacenti svolgono un ruolo cruciale nella sensibilizzazione di questo gruppo a rischio per la prevenzione, la diagnosi e la terapia dell'epatite C.

Il virus dell'epatite C (HCV) si trasmette più comunemente attraverso il sangue contaminato ed entra nel corpo attraverso lesioni della pelle o delle mucose. Nella maggior parte dei casi, l'infezione si verifica quando il materiale di iniezione è condiviso tra consumatori di stupefacenti per via endovenosa, meno frequentemente quando si sniffano e si fumano, quando si effettuano tatuaggi e, eccezionalmente, quando si condividono rasoi e spazzolini da denti. La probabilità di trasmissione da madre a figlio alla nascita è del 5%. Il rischio di essere infettati da una trasfusione di sangue è molto basso in Svizzera.

Il periodo di incubazione è compreso tra 20 giorni e 6 mesi. La maggior parte delle persone infette e delle persone non trattate sono contagiose entro una o più settimane dalla comparsa della malattia. L'infezione con il virus dell'epatite C di solito procede senza sintomi e porta all'epatite acuta solo nel 10-20% delle persone. Questo può causare sintomi similinfluenzali come mal di testa e dolori agli arti, stanchezza, febbre, perdita di appetito e nausea, dolori addominali, urine scure e itterizia (ingiallimento della pelle e della parte bianca intorno agli occhi). Tuttavia, diventa cronica nel 70-80% delle persone affette, cioè non guarisce spontaneamente entro 6 mesi. Circa il 5-30 % delle persone affette sviluppa la cirrosi (cicatrici del tessuto epatico). Un'infezione cronica non trattata da epatite C è la causa più comune di cancro al fegato e di trapianti di fegato in Svizzera. Le persone affette presentano anche un rischio aumentato di danni secondari quali il diabete o le malattie cardiovascolari.

Documenti

La campagna nazionale sull'epatite C si rivolge sia ai professionisti sia ai consumatori di droghe.

Inizio della pagina

Infodrog

Centrale nazionale di coordinamento
delle dipendenze

Eigerplatz 5
3007 Berna

+41 (0)31 376 04 01